Le Pitture

I motivi decorativi che ornano le sale della domus, ricavate nelle originarie botteghe e retrobotteghe dell'insula, attingono ai temi tradizionali del repertorio classico. Frequente è il richiamo alle stagioni, come nella cosiddetta sala dei Geni, con festoni di fiori e frutta sorretti da Geni alati e i graziosi amorini vendemmianti su uno sfondo di uccelli, anche esotici, di straordinaria freschezza e vivacità cromatica.

sala dei geni - fai click per ingrandire la foto

Un affresco di soggetto marino, considerato un gioiello della pittura tardoantica, copre le pareti del vicino ninfeo. Campeggia una divinità femminile, diversamente identificata con Venere o Proserpina, accompagnata da un festoso corteo di amorini pescatori su colorate barchette lignee.

ninfeo - fai click per ingrandire la foto

Di particolare rilievo è l'articolato programma decorativo della sala dell'Orante con la celebre figura a braccia levate in atteggiamento di preghiera, considerata da molti un indizio di una precoce utilizzazione cristiana degli ambienti.

sala dell'orante - fai click per ingrandire la foto

Nella piccola Confessio, ricavata a metà della scala che conduceva ai piani superiori, sono presenti preziose decorazioni pittoriche cristiane della seconda metà del IV secolo, legate dalla tradizione al martirio dei Ss. Giovanni e Paolo e dei Ss. Crispo, Crispiniano e Benedetta.

confessio - fai click per ingrandire la foto

Alcuni ambienti delle domus continuarono ad essere frequentati ed in età medievale in un settore del portico venne ricavato un oratorio con affreschi di VIII - XII secolo tra i quali la rara rappresentazione della crocifissione del Cristo vestito.

Cristo - fai click per ingrandire la foto

Nel moderno antiquarium, allestito con soluzioni innovative, sono esposti i reperti provenienti dagli scavi e dalla basilica. Si segnala una preziosa collezione di ceramica islamica del XII secolo, collocata in origine quale elemento decorativo sul campanile medievale.

antiquarium - fai click per ingrandire la foto